Che fine ha fatto la medaglia?

Che fine ha fatto la medaglia?

Pesa 200 grammi, ha un diametro di circa 6 centimetri e vi è inciso il ritratto di Alfred Nobel. Fino al 1980 era in oro a 23 carati, ora è a “soli” 18 carati ma è placcata in oro puro. È la medaglia consegnata durante la cerimonia di assegnazione dei premi Nobel il 10 dicembre di ogni anno.
Solo che non sempre finisce incorniciata a una parete per dare lustro a un ufficio. A volte si trova a vivere storie decisamente più avventurose.

nobel01_slideshow

Conio della medaglia che viene consegnata alla cerimonia di assegnazione dei Nobel (Copyright © Myntverket 2011, Photo: Markus Marcetic tramite NobelPrize)

Il caso più recente è quello del fisico novantaduenne Leon Lederman, che ha messo all’asta la sua medaglia venduta poi per 765 mila dollari il 28 maggio scorso. «È stata da qualche parte su uno scaffale per almeno vent’anni – ha detto Lederman – e ora venderla mi sembra la cosa più logica da fare». Più eclatante è il caso di James Watson che ha venduto all’asta la sua medaglia per farsi pubblicità e tornare alla ribalta, dopo essere stato allontanato dalla comunità scientifica in seguito alle sue dichiarazioni sul quoziente intellettivo degli africani. La medaglia è stata acquistata per quasi 5 milioni di dollari dal miliardario russo Alisher Usmanov, che l’ha poi restituita a Watson perchè riconoscente degli sforzi che lo scienziato ha fatto contro il cancro, malattia che ha causato la morte del padre di Usmanov.

Il miliardario James si è aggiudicato la medaglia di James Watson messa all'asta dal Nobel per protesta (per entrambe le foto: Creative Commons tramite wikipedia)

Il miliardario Alisher Usmanov si è aggiudicato la medaglia di James Watson messa all’asta dal Nobel per protesta (per entrambe le foto: Creative Commons tramite wikipedia)

Ci sono invece Nobel che hanno ceduto la propria medaglia per scopi umanitari. È il caso di Luigi Pirandello, che nel 1935 la donò in occasione della raccolta d’«oro per la patria», e di Niels Bohr, che nel 1940 donò il ricavato a sostegno della resistenza finlandese.

A volte, invece, a sbarazzarsi della medaglia sono gli eredi del premiato. Quella di Francis Crick, ad esempio, ha fruttato oltre 2 milioni di dollari alla nipote Kindra, che ne ha poi devoluto parte al centro biomedico intitolato allo zio. Solo 47 mila dollari è stato invece il valore attribuito alla medaglia del figlio di Niels Bohr, Aage, anch’egli fisico. Ma è andata ancora peggio agli eredi dello scrittore William Faulkner, che non ricevettero alcuna offerta.
Sempre a proposito di eredi, è successo anche che la medaglia d’oro diventasse addirittura motivo di “guerra” giudiziaria tra loro. Quello che stupisce è che in questo caso si tratta di un Nobel per la pace, e non uno qualunque: nientemeno che Martin Luther King.

600px-Brian_Schmidt

Brian Schmidt è stato bloccato all’aereoporto di Fargo, Nord Dakota, per il contenuto “sospetto” della sua valigia: la medaglia in oro ricevuta a Stoccolma (Creative commons tramite Wikipedia)

Altre volte ancora la medaglia “viaggia” tra Stati e continenti. Quella di Carlos Lamas, premiato per la pace nel 1936, ha letteralmente fatto perdere ogni traccia di sé dopo la morte del Nobel. È ricomparsa nel 1993 in un banco dei pegni del sud America ed è poi passata per le mani di diversi collezionisti, per essere battuta, infine, all’asta a Baltimora (USA), l’anno scorso, per 1,6 milioni di dollari.

Quando poi la nonna di un Nobel è ancora viva, è d’obbligo mostrarle la medaglia. Anche se la nonna in questione si trova in un altro continente e se per andarci devi prendere un aereo. Duecento grammi d’oro quasi puro non passano però inosservati in un bagaglio a mano, sopratutto quando, alla scansione ai raggi X, allo schermo appare un pacchetto insolitamente “scuro” (e difatti l’oro assorbe tutti raggi X).
«C’è qualcosa di strano nel suo zainetto» esclamano gli agenti di sicurezza. «Sì, è questa scatola» risponde prontamente Brian Schmidt. «E che cosa c’è dentro quella scatola? ». «Una medaglia».«E di che cosa è fatta?».«D’oro».«E chi gliela ha data?! ».«Il re di Svezia».«E perché?!».«Perché ho contribuito alla scoperta dell’accelerazione dell’espansione dell’universo!». «E allora che diavolo ci faceva a Fargo?!».
Tutto orgoglio di nonna insomma.

dissolve medal

I Nobel Niels Borh e George de Hevesy sono i protagonisti della storia più avvincente: in tempo di guerra hanno dissolto in acquaragia le due medaglie in oro dei colleghi Max von Laue e James Franck (Credits immagine centrale Benjamin Arthur tremite NPR )

Infine, c’è la storia, degna di un film d’azione, di altre due medaglie, quelle dei Nobel per la fisica Max von Laue e James Franck. Era il 1940, l’inizio della seconda guerra mondiale, e in Germania vigeva il divieto assoluto di far uscire oro dal Paese. I due fisici riuscirono lo stesso a mandare le loro medaglie al collega Niels Bohr in Danimarca per salvarle dalle razzie naziste. Quando però le truppe tedesche giunsero a Copenaghen, le due medaglie espatriate (e per di più appartenenti a un ebreo e a un oppositore al regime nazista) diventarono come due sentenze di morte. Bisognava farle sparire. Nasconderle era rischioso e distruggerle quasi impossibile vista la stabilità chimica dell’oro. Fu il genio del chimico George de Hevesy, che di lì a tre anni avrebbe ricevuto anch’egli un Nobel, a trovare la soluzione… quella chimica, adatta a “tramutare” in un pomeriggio i 23 carati di entrambe le medaglie in un liquido giallo pesca. Tre parti di acido idrocloridrico e una parte di acido nitrico, in altre parole acquaragia. È questo l’unico solvente in grado di allentare i legami chimici che tengono insieme in modo tanto stabile gli atomi d’oro. Il liquido color pesca fu quindi lasciato da Hevesy su uno scaffale in un’anonima boccetta da laboratorio. Là rimase indisturbata per oltre cinque anni, fino a quando, a guerra finita, Hevesy potè tornare e invertire la reazione chimica. L’oro ricavato fu inviato alla Nobel foundation di Stoccolma che ricostituì le medaglie e le restituì successivamente ai legittimi proprietari.

Credits immagine di copertina: Creative Commons tramite Tag: