Chi siamo

StaR è un magazine dedicato alla promozione di un dibattito aperto sulla ricerca nella più ampia accezione, tecnica, storico-politica ed economica. Nasce da un’idea di Isabella Saggio e Silvia Bonaccorsi del Dipartimento di Biologia e Biotecnologie ‘Charles Darwin’ della Sapienza Università di Roma.

È gestito dal Master “La Scienza nella Pratica Giornalistica” della Sapienza Università di RomaI contenuti sono curati e coordinati dai giornalisti scientifici, Silvia Bencivelli, Sandro Iannaccone e da Mattia La Torre.

Isabella Saggio, si laurea in Scienze Biologiche alla Sapienza Università di Roma nel 1988. Sviluppa le sue ricerche prima presso l’Istituto Superiore di Sanità, poi nei laboratori Merck-IRBM e quindi presso l’Institut Gustave Roussy a Parigi. Dal 1998 lavora presso il Dipartimento di Biologia e Biotecnologie C. Darwin della Sapienza, prima come ricercatore e, dal 2002, come professore associato. Dal 2017 è visiting professor presso Nanyang Technological University of Singapore. Dal 2006 è direttore del Master “La scienza nella Pratica Giornalistica” e coordinatore delle attività di scambio Erasmus con l’Università Paris VII.

silviaSilvia Bencivelli, giornalista scientifica freelance, una laurea in Medicina e un Master in Comunicazione della scienza, collabora con la Rai per Radio3 scienza e per Nautilus. E con giornali (la Repubblica, Le Scienze, il Venerdì…), editori, scuole e università, eventi culturali, agenzie di comunicazione, scrive libri e gira documentari. Ha un blog in cui racconta il suo lavoro.

sandroSandro Iannaccone, giornalista scientifico a Galileo, Giornale di Scienza e Problemi Globali. È laureato in fisica teorica e collabora con le testate Wired, L’Espresso, Sapere, Le Scienze, Mente&Cervello, Dweb-La Repubblica.

 

Mattia La Torre, PostDoc presso la Sapienza Università di Roma, una laurea in Biologia Applicata alla Ricerca Biomedica presso la Sapienza un dottorato di ricerca in Scienze Pasteuriane. Nel 2014 vince una borsa di studio dalla Scuola Romana Di Fotografia e coniuga i suoi interessi scientifici con il mondo della fotografia. È photo editor della rivista StaR.