Il digitale e come farsi notare da Google

di Emanuele Pisapia

Nella società dell’informazione in cui i dati sono ad un “tocco” di distanza dal tuo lettore ideale, padroneggiare le tecniche SEO è la nuova soft skill richiesta nel mondo dell’informazione ed editoria digitale

Prova ad indovinare quanti articoli vengono pubblicati ogni giorno su i     nternet. Qualche idea? Secondo le ultime stime rilasciate dal portale WordPress.com, la più grande piattaforma di gestione contenuti al mondo, gli  utenti iscritti al proprio servizio, da soli, pubblicano più di 2,8 milioni di contenuti ogni giorno. Questo si traduce in 33 post del blog ogni secondo. Ciò significa che sono stati pubblicati circa 297 nuove storie mentre stai leggendo queste cinque frasi. E questo conta solo gli utenti di WordPress. Se dovessimo aggiungere tutti gli articoli di tutte le piattaforme digitali, questo numero sarebbe infinitamente più alto. Questo rende un po’ difficile distinguersi. Ma devi farlo se vuoi rendere i tuoi contenuti un successo. “Digital Workout” (Pisapia, Aprile 2022) è, a tutti gli effetti, un manuale di digital marketing utile per imprenditori e non. All’interno del libro si parla di come sia importante per un’azienda o un’organizzazione creare asset proprietari, come ad esempio articoli o contenuti per il proprio blog personale. Spesso trascorro 4-5 ore a scrivere i post del mio sito ma i dieci minuti che dedico all’ottimizzazione di ogni post per renderlo più visibile nei motori di ricerca sono probabilmente i più importanti. Come mai? Perché ogni giorno le persone effettuano più di 5,6 miliardi di ricerche. E questo è solo su Google, pertanto, apparire sulla prima pagina è il fattore decisivo per essere rintracciati online e fare la differenza. Non c’è da stupirsi se milioni di persone cercano il termine “SEO” ogni mese. Ma cosa significa SEO? Probabilmente sai che è qualcosa legato all’ottimizzazione per i motori di ricerca, ma cosa devi ottimizzare? È il design del tuo articolo? O è la scrittura? O forse sono i link? Sì, sì e sì: è tutto questo e altro ancora. Ma partiamo dall’inizio. SEO è l’acronimo inglese “Search Engine Optimization”, che è la tecnica di posizionarsi in alto all’interno dei risultati di un motore di ricerca, noto anche come posizionamento “organico”) nella sezione non a pagamento. L’ottimizzazione per i motori di ricerca è il processo di ottimizzazione dei tuoi contenuti online in modo che a un motore di ricerca piaccia mostrarli come risultato migliore per le ricerche di una determinata parola chiave. Lascia che lo spieghi ulteriormente: quando si tratta di SEO, ci sei tu, il motore di ricerca e il ricercatore. Se hai scritto un articolo su come fare il filetto alla Wellington, vuoi che il motore di ricerca (che, nel 90 per cento dei casi, è Google) lo mostri come primo risultato a chiunque cerchi la frase “filetto alla Wellington”. 

La SEO è il “processo alchemico” che devi effettuare sul tuo articolo per fare in modo che Google includa il tuo post come uno dei migliori risultati ogni volta che qualcuno cerca quella parola chiave

Ora, perché ha importanza? Come ho detto prima, la stragrande maggioranza delle esperienze online inizia con un motore di ricerca e quasi il 75 per cento degli utenti inizia le ricerche su Google. Combina questo con il fatto che i primi cinque risultati su Google ottengono il 67 per cento di tutti i clic e avrai un’idea del perché l’ottimizzazione dei motori di ricerca è così importante. C’è una modo di dire in giro per il web che mette in evidenza quanto sia cruciale raggiungere la prima pagina dei risultati: “se hai mai bisogno di nascondere un cadavere, dovresti metterlo nella seconda pagina dei risultati di ricerca di Google”. Se il tuo articolo si trova su qualsiasi pagina dei risultati di ricerca di Google, diversa dalla prima, è l’equivalente al fatto di non averlo nemmeno pubblicato. Ma per capire come apparire prima nei risultati dei motori di ricerca, devi prima sapere come funziona anche la ricerca. Google custodisce molto bene il proprio algoritmo di ricerca e non tutti gli oltre duecento fattori determinanti sono pubblicamente noti. Questo lascia spazio ad interpretazioni e strategie che sono, per una gran parte, frutto solo dell’esperienza e di “esperimenti” di posizionamento online. Esistono due tendenze di lavoro nell’ambito SEO, diametralmente opposte, che vengono definite dagli addetti ai lavori “white hat” e “black hat” (cappello bianco e cappello nero). Applicare le regole della “black hat SEO” significa ottimizzare i tuoi contenuti solo per il motore di ricerca, senza considerare affatto gli esseri umani destinatari degli stessi. Dal momento che ci sono molti modi per piegare e infrangere le regole per far sì che i tuoi siti si posizionino in alto, questi sono un modo eccellente per posizionarsi velocemente nella parte più alta dei risultati di ricerca. In definitiva, questo approccio si traduce in pagine di spam che spesso vengono bandite altrettanto velocemente. Perseverare in questa pratica porta a severe punizioni da parte di Google, rovinando la possibilità di costruire qualcosa di sostenibile in futuro. Potresti “guadagnare” visibilità in breve tempo, ma dovrai essere continuamente alla ricerca di aggiornamenti sui motori di ricerca e trovare nuovi modi per “aggirare le regole”. La “white hat SEO”, d’altra parte, è il modo per costruire un posizionamento online sostenibile. Se fai SEO in questo modo, ti concentrerai sul tuo pubblico “umano”. Cercherai di fornire loro il miglior contenuto possibile e di renderlo facilmente accessibile giocando secondo le regole dei motori di ricerca. Credo sia inutile dire che mi sentirai e vedrai solo parlare di white hat SEO. Scegli saggiamente da che parte stare sebbene, spesso, non è sempre così facile. Come avrai sentito dire, la vita non è sempre bianco o nero: le sfumature di grigio sono alla base di una strategia di diffusione dei tuoi contenuti efficace e continuativa e, ancora più importante, della risonanza che le tue idee avranno online. Questo è ciò che rende il marketing online, e in particolare la SEO, così divertente. È un gioco di strategia che ha i suoi tempi e regole e che premia chi fa quel “miglio in più” per poter differenziarsi rispetto agli altri giocatori. E gli avversari possono provare diversi metodi per vincere. La SEO cambia continuamente.  Inoltre, la maggior parte di quelle che conosciamo come “le regole” sono semplicemente definite da esperti SEO che fanno previsioni o cercano di correlare le tendenze dei dati. Ecco perché c’è così tanto spazio in questo ambito. Alcune persone dicono che la SEO funziona ancora. Altri dicono che è morta. Spesso dipende molto da come la fai. 

Emanuele Pisapia, Consulente di comunicazione e web marketing. Lenus Media